Stefano Fabi | Alimentazione e infiammazioni
l'alimentazione per lo sportivo che riduce il rischio di infiammazioni a cura di stefano fabi
correre, alimentazione, infiammazione, dieta, stefano fabi
5575
single,single-post,postid-5575,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,

BLOG

Alimentazione e infiammazioni

30 Mag 2017, Inserito da Nutrizione e Benessere in Pubblicazioni
infortunio

Chi pratica sport ad alta intensità è soggetto ad infortuni di tipo infiammatorio che possono tenere il soggetto lontano dagli allenamenti anche per molto tempo. Sappiamo quanto sia dura non poter praticare il nostro sport e ci può venir facile prendere dei farmaci antinfiammatori come i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), facilmente reperibili anche senza prescrizione medica.

I FANS, purtroppo, presentano degli effetti collaterali anche molto gravi come gastrite, ulcere peptiche e patologie che possono presentarsi dopo un lungo periodo di assunzione come infarto e ictus.

È bene quindi farsi sempre guidare da un medico nella terapia antinfiammatoria evitando i rimedi fai da te.

Vorrei comunque porre l’attenzione su rimedi alimentari alle infiammazioni che, sebbene non risolvano nell’immediato il problema, consentono nel tempo di prevenire le infiammazioni e non hanno effetti collaterali.

Omega 3
Gli acidi Omega- 3 sono acidi grassi essenziali che non sono prodotti dal corpo e devono essere integrati con l’alimentazione. Sono contenuti naturalmente nel pesce, specialmente nel pesce azzurro, nel salmone, tonno, sgombro. I due principi attivi che devono essere presenti nell’integrazione sono l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

Curcuma
Pianta erbacea dalle svariate qualità: antinfiammatoria, antitumorale, cicatrizzante, antiossidante. La dose consigliata è di 2 cucchiaini da caffè al giorno se in polvere o 2 compresse.

Frutta e verdura
Frutta e verdura hanno un forte potere antinfiammatorio in quanto potenti antiossidanti. Bisogna sempre inserire almeno 5 porzioni al giorno nella propria alimentazione di questi vegetali. In particolare l’ananas, la malva e l’aloe vera sono alimenti fortemente antinfiammatori.

Comportamenti alimentari da tenere per minimizzare il rischio infiammazione
Evitare i picchi della glicemia. Evitare gli zuccheri semplici e i cereali raffinati. Prediligere i cereali integrali.

Evitare i grassi saturi provenienti da burro, carni grasse, lardo, strutto. Preferire i grassi polinsaturi provenienti dal pesce e dai vegetali come l’olio extravergine di oliva.

Evitare i pasti troppo abbondanti. Effettuare i 3 pasti principali al giorno, con apporto massimo di calorie a colazione e minimo a cena. Fare gli spuntini a metà mattina e metà pomeriggio a base di frutta.

Dott. Biologo Stefano Fabi
Nutrizionista
ti.ib1516509942afona1516509942fets@1516509942ofni1516509942

Inserisci un commento